mercoledì 18 maggio 2016

Hillbillies From Hell: storia di una collaborazione mai nata tra John Carpenter e Tobe Hooper

Nella foto, da destra a sinistra: Tobe Hooper,  il produttore Richard Kobritz e John Carpenter 
Traduzione integrale dell'articolo apparso sul sito ihorror.com e tradotto da Micol Basone in esclusiva per il portale "Il Seme Della Follia". 

Prima di Halloween, John Carpenter ha provato a fare Hillbillies From Hell di Tobe Hooper

Si narra che, una volta, nei primi anni '70, prima della pubblicazione del classico di Tobe Hooper Non Aprite Quella Porta e della pubblicazione di Halloween di John Carpenter, quest'ultimo abbia scritto una sceneggiatura che poi avrebbe tentato di far dirigere a Hooper. 
Se questo fosse successo, molto probabilmente non avremmo avuto Halloween.

La leggenda narra che Carpenter scrisse una sceneggiatura nel 1971 dal titolo Hillbillies From Hell e dopo aver visto il capolavoro di Hooper del 1974 abbia avvicinato il regista proponendogli di dirigere questo progetto. Questa informazione è stata raccolta attraverso una sola fonte ma è molto attendibile. Viene fatto un breve accenno di questa storia nel libro Shock Value del giornalista del New York Times - Jason Zinoman, basato su alcune interviste fatte in prima persona ad una serie di registi. Di seguito le parole del giornalista:

Al tempo del loro secondo e terzo film i due registi stavano espandendo i loro orizzonti artistici, ma stavano anche diventando sempre più definiti dalle convenzioni del genere, in parte perchè avevano contruibuito alla creazione del genere stesso. Craven e Romero avevano creato i loro primi film per istinto e per passione, ma ora venivano coinvolti in un dialogo molto più cosciente con le aspettative dei fan dell'horror. E non intendo dire che affrontassero queste aspettative allo stesso modo. Craven per esempio apprezzava la crudezza e l'autenticità di Non Aprite Quella Porta mentre John Carpenter che non aveva interesse per il realismo nel genere, ne ammirava gli aspetti "comici" ignorati dal grande pubblico che era troppo spaventato per ridere. 

Carpenter che veniva incantato non dalla realtà ma dagli artifizi della scena della cena capiva che Hooper stava mescolando l'horror e la commedia, perchè era quello che aveva fatto anche lui con Dan O'Bannon in Dark Star. Ne ero rimasto cosi impressionato colpito che contattò Hooper dicendogli che aveva ammirato il film, e gli chiese se fosse interessato a dirigere una sceneggiatura che lui aveva scritto in poche e veloci sedute nel 1971. Intitolata Hillbillies From Hell, la sceneggiatura segue un gruppo di ragazze di città che viaggiano in campagna. Le ragazze prendono una deviazione e incontrato una famiglia di cannibali uno dei quali e un'enorme uomo pazzo che indossa una maschera e insegue le ragazze con un coltello. Dopo alcune discusioni la collaborazione non andò in porto. «Ci sono state delle complicazioni» disse Hooper «l'affare non si è concluso. Fu una questione di soldi. Rimpiango di non averlo fatto».  Ma non si rese conto realmente della portata di quello che si era perso fino a due anni dopo, nel 1978, quando andò a vedere il nuovo film di Carpenter - Halloween. Non appena Michael Myers fece il suo ingresso in scena Hooper pensò: eccolo qui!

Si deve dedurre che se Hillbillies From Hell fosse andato a buon fine Carpenter probabilmente non avrebbe creato l'Halloween che tutti conosciamo e amiamo. Senza la regia di Carpenter è anche probabile che Hillbillies non avrebbe avuto tutti gli elementi cruciali che hanno reso Halloween quello che è. Per quanto sarebbe stato figo vedere questo film, probabilmente è meglio che non sia mai stato realizzato. Carpenter e Hooper avrebbero infine collaborato molti anni dopo per Body Bags.
Il libro di Zinoman è pieno di interessanti racconti riguardanti i maestri dell'horror (non solo Hooper e Carpenter) ed è assolutamente un libro che ogni fan dell'horror dovrebbe leggere. 

Nessun commento:

Posta un commento